Come volevasi dimostrare, e come anticipato da tutte le previsioni meteo possibili ed immaginabili, domenica 28 ottobre l’Umbria è stata attraversata e colpita da formidabili acquazzoni e sferzata da un vento potentissimo.

Ma neanche questo ha potuto fermare il Trofeo Moto Fuoristrada Scrambler&Special FMI che si è disputato come da programma mentre tutto intorno altre gare di enduro venivano annullate per maltempo.

Merito dei bravissimi ragazzi del Moto Club Strade Bianche in Moto e anche dei piloti che si sono ritrovati al Country House Santa Felicita Paterna (uno dei più grandi dell’Umbria) e si sono dati da fare per far sì che la splendida gara contraddistinta da un itinerario bellissimo si disputasse senza intoppi. Trenta chilometri interamente off road tra pietraie e piste in quota sull’Appennino: questo il tracciato, su un terreno molto drenante che ha permesso ai partenti di percorrerlo nella sua interezza, seppure con un po’ di fatica.

Delle sei prove speciali se ne sono disputate solo due grazie all’impegno del Moto Club, capitanato dal Coordinatore FMI di specialità, Mirco Urbinati, che ha preso l’iniziativa di annullare il secondo passaggio sul cross test sfruttando il tempo del trasferimento per modificarlo.

Questa strategia si è rivelata vincente e ha permesso ai partecipanti di concludere tutto il secondo giro cronometrato decretando sotto un diluvio incessante la classifica della gara. Il più veloce della giornata è stato Niccolò Pietribiasi alla sua prima partecipazione quest’anno ed in sella, tra l’altro, al nuovissimo Fantic Caballero 500 – in anteprima mondiale – che ha sbaragliato gli avversari: a cercare di mantenere il ritmo imposto dal pilota di motorally ci hanno provato Adelio Lorenzin e Gianstefano Omazzi, secondi rispettivamente nella prima e nella seconda ps, ma nella classifica assoluta di giornata il distacco complessivo ammonta a ben 34”53 su Adelio Lorenzin (Swm) e 50”26 su Alberto Ballardin (Ktm 950). Per quanto riguarda le classifiche di classe Pietribiasi si aggiudica la Scrambler Light battendo appunto Lorenzin e il bravo Roberto Fantaguzzi (Smw) staccato dal leader di 3′. Nella Scrambler Heavy Massimo Elia (Ducati Scrambler) è di nuovo il più veloce su Daniele Zaro (Triumph 900) e Alberto Mazzuccato, costretto al ritiro dopo il primo passaggio. La classe Old saluta la vittoria di Gianstefano Omazzi (Moto Guzzi) che batte il suo avversario, Enrico Maffei (Swm), con un vantaggio di 5’13” mentre Giorgio Bertotti (Montesa) è terzo a 9 minuti.

La classifica riservata alle Special premia Mauro Ballardin (Bmw 1000) mentre la Ospiti assiste alla splendida sfida fra Alberto Ballardin ed Alessandro Tramelli (Bmw 310) con il successo del primo per soli 52” con Fabio Ercolani (Bmw 310) terzo di classe.

Comunicato di Elisabetta Caracciolo – WRR –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *